Categorie
Attenzione a...

Attenzione a… Yéremy Pino

A 18 anni Yéremy ha già esordito sia in Liga che in Europa League, trovando il primo gol contro il Qarabag; su di lui ci sono già gli occhi di numerosi top club, ma il Villarreal farà di tutto per non privarsene.

Questo Villarreal formato 2020/2021 è sempre più interessante. Unai Emery sta portando entusiasmo e buoni risultati, puntando anche su giovani promettenti come Yéremy, che ha già sfruttato al meglio il poco tempo concessogli.

Dopo aver mandato in rampa di lancio i millennials Take Kubo e Baena Rodriguez, ultimamente il tecnico basco sta concedendo sempre più spazio a Yéremy Jesús Pino Santos, già suo pupillo durante la preparazione estiva.

Da dove viene

Nato sulle coste dell’isola di Gran Canaria, Yéremy Pino entra ancora bambino nelle giovanili della squadra della sua città natia, Las Palmas. Nell’estate del 2016, gli osservatori del Villarreal rimangono stregati dalle giocate di Yéremy, che debutta ai campionati regionali nella squadra canaria.

In fretta e furia, i rappresentanti del club amarillo convincono Yéremy ad aggregarsi al vivaio del Villarreal, spinti anche dalla concorrenza di altri grandi club come il Barcellona.

All’età di 14 anni Yéremy si allena con l’UC Roda, squadra affiliata al Villarreal da cui il Sottomarino Giallo preleva i talenti più interessanti. Yéremy rientra nei profili adatti al salto di qualità. Dopo una sola stagione nell’Under-19 del Roda, intraprende la propria avventura con il club valenciano, che inizia dal Villarreal C.

Quest’anno il giovane canariano fa parte della seconda squadra, il Villarreal B, ma questo solo nella teoria. Al momento Yéremy non conta nemmeno una presenza con le riserve, ma solamente perché è sempre stato convocato per le gare della prima squadra.

Poco dopo il suo arrivo, Emery ha subito dato un’occhiata al settore giovanile, rimanendo subito impressionato dal gioiellino del vivaio. Come spesso accade, il tecnico basco ci ha preso in pieno.

La settimana perfetta di Yéremi

Prima presenza in assoluto nella partita che apre il cammino europeo del Villarreal, che vince 5 a 3 contro il Sivasspor; poi la prima in Liga nella trasferta di Cadice, dove disputa i minuti finali.

La trasferta sul campo del Qarabag sarà la prima vera occasione ben sfruttata da Yéremy, che dopo appena 5 minuti dal suo ingresso firma con un gran destro sul primo palo il pareggio del Villarreal, gol che aprirà la rimonta del Sottomarino Giallo fino all’1 – 3 finale. A seguire i 10 minuti scarsi della partita contro il Valladolid, Emery gli concede la prima da titolare nella partita stravinta contro il Maccabi Tel-Aviv.

Yéremy Pino ha bruciato le tappe anche in nazionale: con il tecnico David Gordo ha esordito con la Selección iberica U-17 all’età di 15 anni disputando 18 partite, un anno dopo è salito insieme al suo allenatore nell’U-18, dove in 8 partite giocate da capitano ha segnato 2 reti.

Yéremy Pino agli Europei U17 con la Spagna
Yéremy Pino in azione contro l’Olanda durante gli Europei U17

Ruolo e caratteristiche

Impiegabile su tutto il fronte offensivo, Yéremy predilige la posizione di ala destra, ma dimostra un certo spirito di adattamento visto che contro il Qarabag è stato schierato a sinistra, posizione da cui accentrandosi ha trovato il gol.

I punti di forza di Yéremy sono sicuramente la velocità e l’estro palla al piede, qualità che lo rendono pericoloso quando ha un po’ di campo a disposizione ma soprattutto un temibile avversario nell’uno contro uno.

Qualità estrema nel tocco di palla, visione di gioco e confidenza con il gol, il tutto condito con un pizzico di sfrontatezza. Su Yéremy Jesús Pino Santos sono già stati puntati i fari di alcuni prestigiosi club come Juventus, Atletico Madrid, Barcellona e Siviglia.

Per questo motivo, il Villarreal sta già correndo ai ripari per prolungare un contratto che scadrà già a giugno, con la promessa di trovare più spazio durante la stagione.

Se continua così, lo vedremo sempre più spesso nell’undici iniziale. Il Villarreal ha un nuovo missile in canna: attenzione a Yéremi Pino.


Il meglio del calcio internazionale su Sottoporta: Souček e Coufal: leader silenziosi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *