Categorie
Resto del mondo Storytime

Il Campionato Sudamericano 1921 compie 100 anni

Un secolo fa l’Argentina vinceva il Campionato Sudamericano 1921.

Il 2 ottobre di cento anni fa veniva inaugurato a Buenos Aires il Campionato Sudamericano 1921. A un secolo di distanza proviamo a ripercorrere i momenti più significativi di quell’edizione, culminata con la prima storica affermazione dell’Argentina nella competizione oggi nota come Copa América.

Prima della Copa América

In passato, il torneo continentale del Sud America fu un vero e proprio campionato. Dal 1916 al 1968 le rappresentative sudamericane si sfidavano in un classico girone all’italiana dall’esito quasi mai scontato.

La Copa Centenario Revolución de Mayo del 1910 rappresentò il preambolo della prima edizione del 1916. L’Argentina la organizzò per commemorare l’anniversario della dichiarazione d’indipendenza, avvenuta il 25 maggio 1810. Proprio la nazionale Albiceleste si classificò al primo posto del torneo, al quale parteciparono anche Uruguay e Brasile. Tuttavia, la CONMEBOL non ha mai riconosciuto la competizione come ufficiale in quanto precedente alla sua fondazione.

Il primo Campionato Sudamericano organizzato dalla neonata Confederación Sudamericana de Fútbol andò quindi in scena nel 1916. Vinse l’Uruguay, che rovinò la festa al popolo di casa nel centenario della nascita ufficiale della Repubblica Argentina. Gli uruguayos, però, non ricevettero alcun trofeo, dato che la Copa sarebbe comparsa solamente un anno più tardi e sarebbe costata 3.000 franchi svizzeri.

trofeo Campionato Sudamericano
Riproduzione del trofeo del Campionato Sudamericano (Fonte: La Nacion)

Fino al 1927 la CONMEBOL organizzò il Campionato Sudamericano annualmente. L’Uruguay si confermò campione anche nel 1917. Così come successo per l’edizione del 2021, anche quella del 1918 subì un rinvio per motivi pandemici. L’influenza Spagnola obbligò la CONMEBOL a disputare il torneo dodici mesi più tardi. Il Brasile riuscì a spezzare l’egemonia della Celeste grazie ad una rete di Arthur Friedenreich. Nello spareggio finale contro l’Uruguay, l’attaccante brasiliano realizzò la rete del definitivo 1-0 che consegnò al Brasile il suo primo trofeo.

L’esordio del Paraguay

Dopo aver riportato la coppa a Montevideo nel 1920, l’Uruguay giunse all’edizione del 1921 da favorito. La Federazione argentina allestì nuovamente la manifestazione scegliendo come unica sede il nuovo Stadio Iriarte e Luzuriaga di Buenos Aires.

La partecipazione del Paraguay fu la novità assoluta di quell’edizione. Nonostante avesse già una propria Federazione calcistica attiva dal 1906, l’affiliazione alla CONMEBOL avvenne proprio nel 1921.La nazionale Guaraní prese il posto di un’altra nazionale. A causa di una serie di problematiche interne alla propria Federazione, il Cile rinunciò all’ultimo istante. Fino a quel momento La Roja aveva partecipato a tutte le edizioni, classificandosi sempre all’ultimo posto. L’esordio del Paraguay lasciò tutti senza parole. La squadra allenata dall’argentino Laguna sconfisse, infatti, per 2-1 La Celeste di Piendibene e Romano.

Libonatti e il primo trionfo argentino

Dopo tre secondi posti (1916,1917,1920), l’Argentina riuscì finalmente a imporsi nel 1921 e Julio Libonatti trascinò i suoi al successo. Il ventenne centravanti segnò sia nella partita inaugurale contro il Brasile (1-0), sia nella gara successiva contro il Paraguay (3-0).

La vittoria finale rimase incerta fino alla fine. Il 30 ottobre 1921 nell’ultimo incontro in programma, Argentina e Uruguay si trovarono l’una di fronte all’altra. Libonatti andò in rete per la terza volta consecutiva, firmando l’unico gol della partita.

Nel 2014, il quotidiano El Gráfico ha riportato alla luce una leggenda popolare che, se fosse vera, avrebbe dell’impossibile. Al fischio finale la tifoseria argentina sollevò in aria il suo idolo fino a raggiungere Plaza de Mayo. Non ci sarebbe nulla di strano tranne il fatto che avrebbero percorso poco più di 4 chilometri con Libonatti sulle proprie spalle, in una processione dei tempi moderni.

Il miglior giocatore del Campionato Sudamericano 1921 fu un portiere

I tre gol realizzati in altrettante partite valsero a Libonatti il titolo di miglior marcatore del torneo. Nonostante ciò, la CONMEBOL non lo scelse come miglior giocatore del torneo. Se i gol dell’attaccante furono infatti decisivi per la conquista del titolo, allo stesso modo lo furono anche le parate di Américo Tesoriere.

Il portiere del Boca Juniors concluse imbattuto il Campionato del 1921, venendo eletto miglior giocatore. Si ripeté poi nell’edizione del 1924, vinta, però, dall’Uruguay. Nessun portiere sudamericano è mai riuscito a mantenere la propria porta inviolata per due edizioni differenti.

Campionato Sudamericano 1921
Américo Tesoriere fu il primo giocatore di calcio a comparire sulla copertina di El Gráfico (Fonte: El Gráfico)

Argentina campione a distanza di 100 anni dal Campionato Sudamericano 1921

Pochi mesi fa l’Argentina ha vinto la sua sedicesima Copa América proprio nel centenario del suo primo successo. Una vittoria attesa vent’anni e ottenuta superando il Brasile (1-0) nella partita finale. Tra i protagonisti, Ángel Di María e Lionel Messi. Il primo autore del gol decisivo. Il secondo eletto miglior giocatore del torneo.

Cosa hanno in comune Libonatti, Di María e Messi? Sono tutti e tre nati a Rosario. Sarà una coincidenza ma non dimentichiamoci che a quelle latitudini c’è chi crede che il calcio sia una questione di mística.


Su Sottoporta, tutto il meglio del calcio internazionale: Ortega, fino alle lacrime

Fonte immagine di copertina: remonews.com

Di Alessandro Sanna

Cagliaritano classe 1984, insegnante di professione, scrittore per passione. Amo il Sud America e tutto ciò che ci gira intorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *