Categorie
Resto d'Europa

Ricomincia la Scottish Premiership

Dopo oltre 4 mesi di attesa, ricomincia la Premiership. Il Celtic vincerà il decimo titolo consecutivo?

Dopo la lunghissima assenza dai campi, ricomincia la Premiership. Oggi, infatti, Aberdeen e Rangers inaugureranno la stagione 2020/2021, mentre nel resto d’Europa ancora si dovranno concludere Serie A, Champions League ed Europa League. Una situazione grottesca in cui, però, ritroveremo una costante: il Celtic, per il decimo anno consecutivo, sarà la squadra da battere.

Dov’eravamo rimasti?

La stagione 2019/2020 si era conclusa a metà maggio con la decisione di terminare a tavolino il campionato con la vittoria del Celtic, che, al momento dell’interruzione, vantava ben 13 punti di vantaggio sui rivali concittadini Rangers. I biancoverdi, guidati da Neil Lennon, avevano così vinto il nono titolo consecutivo, eguagliando un record condiviso dal Celtic ’66-’74 e Rangers ’88-’97.
Con la fine prematura del campionato, il podio si è concluso con i Rangers di Gerrard al secondo posto e, soprattutto, con il Motherwell al terzo, con conseguente qualificazione in Europa League.

Brown e Forrest, Celtic
Nessuno nella storia del campionato scozzese ha vinto 10 titoli di seguito. Ci riusciranno Brown e compagni? (Pagina IG Celtic)


L’interruzione del campionato aveva soprattutto condannato gli storici Hearts of Midlothian alla retrocessione. Il club di Edimburgo, fondato nel 1874, è stato retrocesso d’ufficio in Championship nonostante le possibilità di ottenere la salvezza fossero sicuramente ampie. Il Board del club aveva deciso di portare la Lega scozzese in tribunale e al momento, visto lo stallo della situazione giudiziaria, gli Hearts sembra dovranno ripartire dalla seconda serie.

Ricomincia l’eterna sfida

Come in un eterno ritorno dell’uguale di nietzschana memoria, in Scozia si riparte da dove si è quasi sempre ripartiti: Celtic contro Rangers. Negli ultimi anni il momentum è stato silenza alcun dubbio a favore dei biancoverdi, ma la stagione 20/21 si candida ad essere forse la stagione del derby di Glasgow. Come dicevamo, infatti, il Celtic ha l’occasione di ottenere uno storico record vincendo il decimo titolo consecutivo. A cercare di impedirglielo saranno ovviamente i ragazzi di Gerrard, il quale, al terzo anno sulla panchina dell’Ibrox Stadium, è chiamato ad un’autentica impresa. Le conferme di Hagi e Defoe sono sicuramente un buon segno per l’ex capitano del Liverpool, la cui rosa, però, non è decisamente al livello di quella degli acerrimi nemici.

Dall’altra parte di Glasgow, il Celtic riparte dalle sue solide basi: il capitano Scott Brown comincia la sua tredicesima stagione al Celtic Park. I gol di Odsonne Edouard sono l’altra sicurezza ereditata dalla scorsa stagione: Neil Lennon ha la possibilità di entrare nella storia.

Il campionato degli altri

Nel “campionato degli altri” interessante sarà assistere alla lotta per il terzo posto. L’Aberdeen di Derek McInnes vuole vendicare l’esclusione dal piazzamento europeo per mano del Motherwell, contando sui gol di Sam Cosgrove, autore di 11 reti nell’ultima stagione. L’unica novità del campionato è il Dundee United. Promosso in Premier dopo l’interruzione forzata, ha nominato Micky Mellon come nuovo allenatore dopo che Robbie Neilson ha lasciato la squadra per unirsi agli Hearts.

robbie neilson hearts
“He’s back” – dalla pagina IG degli Hearts


Robbie Neilson e gli Hearts, una storia d’amore che non conosce limiti e per la quale l’ex giocatore ha deciso di tornare ad Edimburgo e rimanere in Championship dopo aver vinto il campionato col Dundee. Una decisione che porterà Neilson a sedere sulla panchina degli Hearts per la seconda volta, dopo il biennio 2014-2016 quando era riuscito a condurli fino all’Europa.

A rischiare per la lotta retrocessione in questa stagione ci sarà probabilmente ancora l’Hamilton Academical che, grazie all’interruzione per l’emergenza Covid, si è salvato non solo dalla retrocessione, ma anche dalla disputa dello spareggio salvezza. Fondato nel 1874, il club biancorosso nello scorso anno ha schierato spesso la formazione più giovane dell’intero campionato, ma quest’anno è chiamata a tirarsi fuori dalla zona calda della classifica.

La sfida all’attacco

Ricomincia la Premiership: ricomincia la sfida fra Celtic e Rangers. Una sfida in cui potrebbero risultare determinanti i reparti offensivi. Edouard per i biancoverdi è una garanzia, dopo che nella scorsa stagione aveva firmato ben 22 gol . Per i Rangers il discorso è ben più intricato: la conferma di Defoe è una bella notizia per Gerrard, ma le voci di mercato non lasciano tranquillo l’ex capitano dei Reds. Alfredo Morelos pare essere infatti sul piede di partenza, pronto a sostituire Osimhen al Lille. Se El Bufalo dovesse partire, i Rangers perderebbero il miglior giocatore alla vigilia di una stagione che, con la vittoria del Celtic, potrebbe entrare nella storia.


Su Sottoporta il meglio del calcio internazionale: L’Impero azteco di Gignac

Immagine copertina: leopardsactu.com

Di Umberto De Marchi

Appassionato di tattica e delle storie sconosciute del calcio, sono un grande appassionato di musica e consumatore seriale di podcast.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: