Categorie
Resto d'Europa

Mohammed Kudus, classe e potenza

Mohammed Kudus, l’ennesimo talento da lanciare dalle parti della Cruijff Arena. Il futuro appare roseo per ten Hag.

Mohamed Kudus, classe 2000, trequartista di passaporto ghanese, si sta rivelando un prospetto decisamente da tener d’occhio.

In questa stagione, la prima con la maglia dell‘Ajax, ha totalizzato tre presenze in Eredivisie, condite da un gol, nel 5-1 sull’ Heerenveen, e da tre assist, di cui due nella già citata goleada. Numeri che andranno a migliorare una volta che si riprenderà dall’infortunio subito nel match del 9 ottobre contro il Liverpool, dopo appena nove minuti di gioco, nel giorno del suo esordio in Champions League.

Prima dell’approdo nella capitale olandese, Kudus ha vestito la casacca del club danese del Nordsjælland, con cui debutta il 5 agosto 2018, a pochi giorni dal suo diciottesimo compleanno. Il ragazzo cresciuto nella Right to Dream, un importante academy ghanese, impressiona non poco in Danimarca, soprattutto nella seconda stagione, quando realizza 12 gol tra Superligaen e coppe nazionali, rivelando una propensione a poter ricoprire diversi ruoli offensivi. E a volte può giostrare pure da centrocampista.

Kudus con la maglia dell' Ajax
Kudus con la maglia dell’ Ajax. (Fonte: Ghanasoccernet.com)

Caratteristiche tecniche

Mohammed Kudus si distingue per le spiccate qualità tecniche. Ha una padronanza del pallone da funambolo, con il sinistro fa quel che vuole e, quando parte palla al piede, testa alta a scrutare l’orizzonte, risulta difficile da fermare: tecnica e velocità si mescolano, creando un mix allettante per Erik ten Hag.

Quando attacca la profondità, si rivela devastante. Bravo nel fraseggio con i compagni, il suo non è un innamoramento egoistico del pallone, anzi, possedendo una buona visione del campo, cerca e ottiene nella maniera più utile il maggior numero di assist possibile.

Essendo un atleta irrefrenabile, ha dimostrato di saper districarsi anche in giocate nel classico fazzoletto, come in occasione del primo gol con la maglia dei Lancieri: decentrato sulla sinistra, riceve il pallone quando è spalle alla porta, in area: in una frazione di secondo, corregge la sua postura e calcia con il piede preferito. Buca d’angolo.

Kudus appartiene al gruppo di giovani su cui l’Ajax sta puntando in maniera decisa.


Su Sottoporta, tutto il meglio del calcio internazionale: Salvatore Lombardo: da arbitro ho visto davvero Maradona

Fonte foto di copertina: Instagram Mohamed Kudus

Di Luigi Della Penna

Classe 1996, mi definisco un cacciatore di storie e un mendicante di emozioni. Il calcio è vita, ma un'esistenza senza football non sarebbe la stessa cosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: