Categorie
Inghilterra

Premier League 20/21: gli acquisti più sottovalutati

I migliori acquisti delle squadre di Premier League di cui si è tenuta una considerazione al di sotto delle aspettative.

Il mercato non è ancora finito, ma sabato con Fulham-Arsenal riapre i battenti la Premier League, con tanti volti nuovi. Havertz, Werner, Ferran Torres, James Rodriguez, Van De Beek, ma anche altri nomi un po’ sottovalutati da tutti.

Eberechi Eze

Nonostante la concorrenza di Sheffield e Tottenham, il Crystal Palace è riuscito a portare a Selhurst Park uno dei talenti più brillanti della passata stagione di Championship. Con 14 gol e 8 assist in 46 presenze il gioiellino del QPR ha saputo convincere la dirigenza delle Eagles, che hanno speso 17 milioni di sterline per accaparrarselo. Può migliorare alcune scelte, ma le qualità tecniche sono indiscutibili. Grande colpo.

Gabriel Magalhães

Il centrale brasiliano ex Lille, capace di abbinare all’importante forza fisica (1,90 cm di altezza) una buona tecnica palla al piede, è stato una delle rivelazioni della Ligue 1 2019/2020. Sembrava ad un passo dal Napoli, ma ha scelto l’Arsenal di Mikel Arteta per continuare la propria carriera. Gabriel potrebbe rivelarsi una pedina importante per una delle squadre più interessanti della prossima Premier League. Da tenere d’occhio.

Rodrigo Moreno Machado

Il Leeds United, tornato in Premier League dopo 16 anni, ha dimostrato fin da subito di voler fare sul serio, sborsando 30 milioni di euro per strappare Rodrigo al Valencia. Marcelo Bielsa lo ha scelto per portare qualità ed esperienza ad una rosa giovane e talentuosa. Pur essendo un punto fermo della nazionale spagnola, l’ex Benfica non va in doppia cifra dalla stagione 2017/18. Sarà in grado di invertire il trend alla sua prima stagione in Inghilterra? Intrigante.

Fábio Daniel Soares Silva

Il Wolverhampton si è aggiudicato il classe 2002 Fábio Silva sborsando 40 milioni di euro al Porto, cifra record nella storia del club. Nella scorsa stagione, Silva ha vissuto la sua prima esperienza tra i grandi: con il debutto a 17 anni e un mese è l’esordiente più giovane della storia dei Dragoni, ed anche il più giovane marcatore.

21 presenze e 3 gol hanno convinto i Wolves a puntare su di lui per rinfrescare l’attacco, allungando così la lista dei portoghesi del West Midlands: attualmente, contando anche l’allenatore Espirito Santo, ce ne sono 11.

Pierre-Emile Højbjerg

Al suo arrivo in Baviera nel 2013, Pep Guardiola prospettava un futuro radioso per il giovane Højbjerg. Il centrocampista danese aveva esordito con la maglia del Bayern durante la stagione precedente e sembrava promettere davvero bene.
Al giorno d’oggi, sembra che Guardiola non si sia sbagliato.
Nonostante alcuni problemi familiari piuttosto gravi ne abbiano temporaneamente rallentato l’evoluzione, Højbjerg ha disputato una delle migliori stagioni della sua carriera con la maglia del Southampton, ed è pronto per un palcoscenico più grande.
Il trasferimento al Tottenham, alla corte di Mourinho, può essere il trampolino di lancio per una seconda parte di carriera sfavillante.


Il meglio del calcio internazionale su Sottoporta: “El Muñeco” Gallardo: el mejor

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: