Categorie
Resto del mondo

Portland vince l’MLS is Back Tournament

I Portland Timbers hanno vinto la finale dell’MLS Is Back Tournament, il torneo organizzato dall’MLS che segnava il ritorno in campo del soccer americano.

L’MLS is Back Tournament è stata l’idea calcistica americana per fronteggiare il COVID-19 e far ritornare il calcio negli States. Un mini-torneo davvero particolare, che non mette in palio lo scudetto, ma alcuni incentivi per far giocare con motivazioni le squadre.

MLS is Back Torunament in Florida

La vincitrice ha ottenuto la qualificazione per la CONCACAF Champions League 2021, mentre le tre partite giocate nella fase a gironi conteranno per la stagione regolare una volta che la vera MLS sarà ripresa. Inoltre sono stati distribuiti dei premi in denaro.

L’MLS is Back Torunament si è disputato in meno di un mese, all’interno del Walt Disney World Resort di Bay Lake in Florida. L’8 luglio scorso si è partiti, seppur con due defezioni, dato che sia il FC Dallas che il Nashville SC hanno rinunciato al torneo per via dei troppi casi di coronavirus in squadra. Il torneo è stato costretto dunque a partire con 24 club rispetto ai 26 previsti, distribuiti inizialmente in sei gironi da quattro squadre. Agli ottavi sono andate le prime due di ogni gruppo e le quattro migliori terze, in un tabellone ricco di partite molto interessanti.

I campioni

La finale è stata tra Portland Timbers e Orlando City. I primi hanno battuto in semifinale i Philadelphia Union, i secondi hanno avuto la meglio sul Minnesota, trascinati da un super Nani. Il match conclusivo dell’MLS Is Back Tournament ha visto prelavere Portland, andata in vantaggio al 27′ con il centrale Mabiala di testa, su assist di capitan Diego Valeri. L’argentino è stato il vero MVP della partita grazie al 91% di precisione dei passaggi, i 4 passaggi chiavi forniti ai compagni, 6 fallo subiti e 9/11 sui contrasti.

valeri mls is back tournament
Valeri, a destra, festeggia con Blanco (fonte: goal.com)

Valeri ha registrato inoltre 25 assist su calci piazzati nella sua carriera in MLS, quattro in più rispetto a qualsiasi altro giocatore da quando ha debuttato in campionato, nel 2013. L’ex Krasnodar Mauricio Pereyra ha però pareggiato i conti al 39′, dando speranza all’Orlando City, che nel complesso, per il modo di giocare a calcio, avrebbe meritato di più la vittoria. Ma il calcio è imprevedibile e al minuto numero 66, su una bella azione della punta americana classe 97′ Jeremy Ebobisse, segna l’altro difensore centrale della squadra, Dario Zuparić. Una vecchia conoscenza del calcio italiano, avendo indossato la maglia del Pescara per qualche stagione. È proprio il croato a fissare il risultato sul 2-1 finale, consegnando la vittoria del torneo ai Portland Timbers.

“Abbiamo chiuso gli spazi al centro e non abbiamo permesso loro di penetrare troppe volte. Conoscevamo le loro combinazioni, sapevamo che sono pericolosi con i loro giocatori larghi, con il terzino a destra, a sinistra con Nani. Ho detto ai ragazzi di non far entrare i giocatori di Orlando in quegli spazi, dato che potevano farci del male.

Penso che i primi 20 minuti siano stati i più difficili, poi a poco a poco abbiamo iniziato a prendere confidenza con la palla, ottenendo un po’ più di possesso e attaccando gli spazi. Segnare il primo gol è stato per noi un segnale molto importante, nel secondo tempo abbiamo creato delle occasioni e sapevo che potevamo farcela. Ogni torneo, ogni stagione che giochi, ogni momento in cui gareggi è speciale quando raggiungi qualcosa di importante. In questo torneo siamo venuti qui con un solo scopo. Per noi sarà un bel ricordo perché è stato speciale.”

Giovanno Savarese, allenatore di Portland

Aspettando la vera MlS

Il coach di Portland ha lodato anche il modo in cui l’MLS ha organizzato il torneo. Tante preoccupazioni all’inizio, ma alla fine è risultato un torneo incredibile.

Gli amanti del soccer hanno sicuramente apprezzato l’MLS is Back Tournament, in attesa del ritorno ufficiale della MLS. La stagione regolare in U.S.A era già partita da alcune giornate, prima di doversi fermare forzatamente per il COVID-19. Sarà Dallas-Nashville il match che segnerà il vero “back” della MLS, che spera i casi possano diminuire in modo tale da reintrodurre i tifosi ad un certo punto di questa stagione. Un opzione molto difficile, anche se gli americani sono sempre a stupirci, come l’organizzazione dell’MLS is Back Tournament, esperimento piuttosto riuscito.


Il meglio del calcio internazionale su Sottoporta: Europa League Forza 5 – S1 E2

Fonte copertina: Instagram Timbers Mls

Di Cosimo Giordano

Opinionista sportivo nel tempo libero, founder di Sottoporta, amo la pizza e il calcio internazionale. Sono quel tipo che ogni tanto ripensa alla carriera di Pauleta e che va a curiosare sulle rose del campionato australiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: